Anche una breve esposizione all’inquinamento atmosferico ha un rapido impatto sul cervello

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università della British Columbia e dell’Università di Victoria ha dimostrato che livelli comuni di inquinamento da traffico possono compromettere la funzione del cervello umano nel giro di poche ore. I risultati sottoposti a revisione paritaria, pubblicati sulla rivista  Environmental Health , mostrano che solo due ore di esposizione allo scarico diesel provocano una diminuzione della connettività funzionale del cervello, una misura di come le diverse aree del cervello interagiscono e comunicano tra loro. 
Lo studio fornisce la prima prova negli esseri umani, da un esperimento controllato, di connettività della rete cerebrale alterata indotta dall’inquinamento atmosferico. Per molti decenni, gli scienziati hanno pensato che il cervello potesse essere protetto dagli effetti dannosi dell’inquinamento atmosferico. Questo studio, che è il primo del suo genere al mondo, fornisce nuove prove a sostegno di una connessione tra inquinamento atmosferico e cognizione.
Per lo studio, i ricercatori hanno esposto brevemente 25 adulti sani a gas di scarico diesel e aria filtrata in momenti diversi in un ambiente di laboratorio. L’attività cerebrale è stata misurata prima e dopo ogni esposizione mediante risonanza magnetica funzionale (fMRI). I ricercatori hanno analizzato i cambiamenti nella rete in modalità predefinita del cervello (DMN), un insieme di regioni cerebrali interconnesse che svolgono un ruolo importante nella memoria e nel pensiero interno. 
La fMRI ha rivelato che i partecipanti avevano una connettività funzionale ridotta nelle regioni diffuse del DMN dopo l’esposizione allo scarico diesel, rispetto all’aria filtrata. Sappiamo che la connettività funzionale alterata nel DMN è stata associata a prestazioni cognitive ridotte e sintomi di depressione, quindi è preoccupante vedere l’inquinamento del traffico interrompere queste stesse reti. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno gli impatti funzionali di questi cambiamenti, è possibile che possano compromettere il pensiero o la capacità di lavorare delle persone.

Adottare misure per proteggersi

In particolare, i cambiamenti nel cervello erano temporanei e la connettività dei partecipanti è tornata alla normalità dopo l’esposizione. Gli effetti potrebbero essere di lunga durata dove l’esposizione è continua. Le persone dovrebbero essere consapevoli dell’aria che respirano e adottare misure appropriate per ridurre al minimo la loro esposizione a inquinanti atmosferici potenzialmente dannosi come i gas di scarico delle automobili.
Le persone potrebbero volerci pensare due volte la prossima volta che sono bloccate nel traffico con i finestrini abbassati. È importante assicurarsi che il filtro dell’aria della tua auto funzioni correttamente e, se stai camminando o andando in bicicletta lungo una strada trafficata, prendi in considerazione la deviazione su un percorso meno trafficato. Mentre l’attuale studio ha esaminato solo gli impatti cognitivi dell’inquinamento derivato dal traffico, altri prodotti della combustione sono probabilmente una preoccupazione.
L’inquinamento atmosferico è ora riconosciuto come la più grande minaccia ambientale per la salute umana e si sta vedendo sempre più gli impatti su tutti i principali organi. Probabilmente vedremmo impatti simili sul cervello dall’esposizione ad altri inquinanti atmosferici, come il fumo degli incendi boschivi. Con la crescente incidenza dei disturbi neurocognitivi, è una considerazione importante per i funzionari della sanità pubblica e i responsabili politici.
Lo studio è stato condotto presso l’Air Pollution Exposure Laboratory dell’UBC, situato presso il Vancouver General Hospital, che è dotato di una cabina di esposizione all’avanguardia in grado di imitare la sensazione di respirare una varietà di inquinanti atmosferici. In questo studio, che è stato attentamente progettato e approvato per la sicurezza, i ricercatori hanno utilizzato scarichi appena generati che sono stati diluiti e invecchiati per riflettere le condizioni del mondo reale.

Daniele Corbo

Bibliografia: “Brief diesel exhaust exposure acutely impairs functional brain connectivity in humans: a randomized controlled crossover study” by Chris Carlsten et al. Environmental Health

Immagine: made by OrmeSvelate with AI

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Le perle di R. ha detto:

    Si mostra sempre più vero che l’essere umano è l’unico essere vivente ad autosabotarsi.

    "Mi piace"

    1. però avrebbe anche le risorse per salvarsi…

      Piace a 1 persona

      1. Le perle di R. ha detto:

        Appunto, sarebbe più intelligente sfruttare quelle per salvarsi, o salvaguardarsi

        Piace a 1 persona

  2. Kikkakonekka ha detto:

    L’inquinamento stradale, impennatosi negli ultimi decenni, credo che non sia stato ancora studiato in modo accurato, perché a mio avviso è ovvio che venga mal tollerato dal nostro organismo e che sia molto pericoloso per la nostra salute.
    Ma… allo stato attuale, ci sono vere alternative? Siamo ancora lontani dall’elettrico 100%.

    "Mi piace"

    1. è anche importante nel frattempo accrescere la cultura del verde con sempre più spazi boschivi da piantare in città per compensare l’inquinamento.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.