Come il bullismo influenza il cervello

Gli effetti del bullismo costante sono molto più che psicologici. La ricerca mostra ora che ci possono essere differenze strutturali fisiche nel cervello degli adolescenti che sono regolarmente vittime, e questo potrebbe aumentare le possibilità che essi soffrano di malattie mentali.

Bullo o leader? I bambini piccoli sanno riconoscerlo

Un nuovo studio rivela che i bambini di 21 mesi possono distinguere tra il potere basato sul rispetto asserito da un leader e il potere basato sulla paura esercitato da un bullo. Lo studio, pubblicato su PNAS, ha analizzato il comportamento che prevedeva il guardare negli occhi i bambini, un approccio standard per misurare le…

Le origini dell’aggressività infantile

Un nuovo studio rileva che i deficit nella funzione esecutiva – una misura delle capacità cognitive che consentono ad una persona di raggiungere gli obiettivi controllando il proprio comportamento – predice comportamenti aggressivi. Lo studio, pubblicato su Frontiers in Behavioral Neuroscience, mostra che i bambini delle scuole primarie con funzione esecutiva inferiore avevano più probabilità…

Bullismo tra fratelli e conseguenze

Quando si parla di bullismo, il pensiero va inevitabilmente agli avvenimenti che regolarmente succedono nelle nostre scuole, ma c’è una forma ancora più subdola e dannosa, ossia quella subita dai fratelli. I ricercatori hanno scoperto un legame tra bullismo tra fratelli ed un rischio aumentato di sviluppare un disturbo psichiatrico durante la prima età adulta….

La resilienza aiuta a superare il bullismo

Un nuovo studio condotto da UCL ha fornito la prova più forte fino ad oggi che l’esposizione al bullismo causi problemi di salute mentale, come ansia e disturbo post traumatico da stress, anche a distanza di anni. Precedenti studi hanno dimostrato che i bambini vittime di bullismo hanno maggiori probabilità di soffrire di problemi di…

I genitori possono prevenire il disagio psichico dei figli

Depressione e disturbi d’ansia nei giovani sono un problema di salute globale. I disturbi ad insorgenza precoce, specialmente se non trattati, tendono a diventare cronici o recidivanti, aumentano il rischio di suicidio e prevedono un’ampia gamma di limitazioni psicosociali e relazionali .