Uniti

Se anche non vedessi più le stelle
la tua voce me le farà sentire sulla pelle,
ti consegnerei la mia valigia di dolore
e le ombre svaniranno col tuo odore,

Perdono

Ferite che ancora sanguinano
che non riesci a far rimarginare,
ti tolgono il respiro
e non puoi neanche urlare,

Sostenersi

Vorrei saper chiedere aiuto
invece mi ritrovo in un imbuto
ed ogni mio grido resta muto,
le paure si alimentano di solitudine

Aspettare la vita

Arida è la notte
per chi non riposa,
il cuscino è una pietra
che seppellisce i sogni

Visi divisi

Visi divisi
frammentati nelle emozioni,
sorrisi esposti fuori
che mascherano il dolore,

Riassemblare il mare

Vorrei sentire il dolore del mare
quando si infrange sugli scogli
rompendosi in mille pezzi
come fragile vetro che spezzi